venerdì 16 dicembre 2011

Ieri è stata una giornata di tentativi. Nella tarda mattinata ho preparato la seconda tipologia di biscotti da impacchettare a Natale. Vista l'ottima riuscita dei Biscotti integrali con mandorle e nocciole, ho fatto un'altra incursione nel blog di Misya e mi sono lanciata nella realizzazione della pasta di mandorle. La ricetta è semplice, tutto sta nello scegliere mandorle di qualità (la farina di mandorle è bandita!) e saper aspettare.

L'attesa tuttavia non è il mio forte. I biscotti di pasta di mandorle devono infatti asciugare almeno dieci ore prima di essere cotti in forno per una decina scarsa di minuti. Ho fatto la posta tutto il giorno alla mia teglia di biscotti e alle nove di sera ho infornato. In pochi minuti la cucina si è riempita di un buonissimo profumo di mandorle. Purtroppo non ho saputo attendere il successivo raffreddamento necessario a non danneggiare l'impasto, che ho scoperto essere un delicato equilibrio tra il morbido dentro e il friabile fuori. Di conseguenza la base dei biscotti è rimasta tragicamente attaccata alla carta da forno, con mio immenso disappunto. Dopo aver continuato a rovinare circa la metà dei biscotti (perché fermarsi a uno?) ho aspettato che finissero di freddarsi e...MAGIA! sono venuti via belli intatti. E sono anche buoni! Non hanno tuttavia superato l'esame del "riusciti al primo colpo" e quindi restano per il momento in standby rispetto alla loro posizione nei pacchetti natalizi. Nonostante questo, impiattati fanno comunque la loro porca figura...

6 commenti:

  1. Questo è il motivo per cui non faccio la pasta di amndorle ;) non ho l apazienza di aspettare tutto quel tempo!
    Comunque i tuoi biscottini sembrano davvero buoni. Magari la prossima volta riuscirai a farli venire perfetti, sei già a buon punto, coraggio!

    RispondiElimina
  2. ...di certo non finisce qui!! Io e la pasta di mandorle abbiamo un conto in sospeso...(ammicco)

    RispondiElimina
  3. sembrano deliziosi, devo provarli!

    RispondiElimina
  4. interessante i film che citi, anche io seguo molto il cinema,buona la ricetta dei ceci ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao,piacere di conoscerti e grazie per essere diventata mia sostenitrice.
    Se accetti un mio consiglio voglio dirti che non hai bisogno di aspettare tutta la notte per infornare i biscotti di mandorla. Da siciliana ti consiglio di mettere l'impasto preparato in frigorifero per due ore,coperto da pellicola.Poi fai i biscotti ed inforni subito.Li ho fatti ieri,presto posterò la ricetta.
    Buona giornata a te.

    RispondiElimina
  6. Ciao Mariabianca, mi fa piacere leggerti e grazie davvero per il consiglio. Mi chiedi se lo accetto? Oh, io qui ho di che prendere appunti!!! E già che ci sono ne approfitto per chiederti una cosa in merito ai baci di dama che ho tentato di fare l'altro giorno. Trattandosi sempre di pasta di mandorle con l'aggiunta della farina, vorrei sapere se hai qualche suggerimento che mi eviti di farli eccessivamente appiattire rendendoli molti friabili ai bordi. Sono stati un po' un disastro in verità e io che pensavo fossero di semplice realizzazione...
    Un'ultimissima cosa...permettimi di dire che il tuo Panza e Sostanza mi garba assai...

    @ albaincucina: leggo solo ora il tuo post, scusa se non ti ho risposto prima ma ogni tanto mi perdo un pezzo -_-
    Amo il cinema come il buon cibo e mi piace trovare in etrambi dei collegamenti, dei richiami, dei continui rimandi. Credo che davanti a un buon film potrei tranquillamente ingrassare di qualche kilata...

    RispondiElimina