martedì 20 dicembre 2011

Tortino di cavolfiore

Non c'è niente da fare, il broccolo spadroneggia in questa stagione. Siamo appena all'inizio dell'inverno e già non ne posso più di mangiarlo gratinato.

A casa mia c'è grande consumo di broccolo bianco perché è senza dubbio il re dell'orto. Mio padre l'ha piantato in abbonandanza e ogni volta che mi dice "ti serve un po' di verdura?" io ci ricasco. Perché "verdura" nello specifico vuol dire broccolo a volontà per una settimana, roba da far impallidire anche le mense scolastiche o i collegi femminili che io associo sempre all'odore di broccolo lesso.

L'altro giorno, quando si è presentato a casa mia con una bustona da cui faceva capolino l'indesiderato cavolfiore, ho sorriso e ringraziato e promesso a me stessa che avrei trovato il modo di cucinarlo diversamente. Le varianti al tema Cavolfiore Time non è che siano moltissime. Ho trovato un sito con moltissime ricette ma in fondo molto simili tra loro. La mia prima necessità era quella di lavorare il broccolo in modo tale da NON VEDERNE LA CONSISTENZA. Insomma, trasformarlo in qualcosa che alla vista mi ricordasse qualcos'altro, che non mi annoiasse solo a guardarlo...

...Ma certo, un tortino! Io l'ho preparato nel modo che segue, ma ho già preso appunti per le successive modifiche:

1 cavolfiore (o mezzo, come nel mio caso di broccolo affetto da gigantismo)
50 gr di farina
2 etti di prosciutto cotto in una fetta
1 tuorlo d'uovo
noce di burro
latte q.b.
pangrattato q.b.
pizzico di noce moscata
parmigiano
sale e pepe

Lessare il cavolfiore lavato e tagliato a cimette (per chi non gradisse l'odore di broccolo può mettere a bollire insieme alla verdura una mollica di pane imbevuta d'aceto). Una volta cotto tritarlo (io ho usato il frullatorino a immersione) insieme a un po' di latte affinché diventi cremoso.
In una padella antiaderente far sciogliere la noce di burro e rosolare la crema di cavolfiore. Aggiungere il prosciutto tagliato a dadini, salare e pepare.
A parte sciogliere la farina con il latte e una grattata di noce moscata. Versare il composto (che non deve risultare troppo liquido) sulla crema con il prosciutto. Amalgamare bene fino a raggiunta consistenza. A questo punto spegnere il fuoco e unire il tuorlo d'uovo e un generosa manciata di parmigiano.

Imburrare una teglia da forno e conspargerla con il pangrattato. Versare il composto e livellarlo.
Finire con uno strato di parmigiano e pangrattato. Infornare e cuocere a 180° per circa 25 minuti.

All'aspetto sembra un tortino di patate, ma la sua consistenza è più morbida e ovviamente...il sapore è quello del broccolo, smorzato dal prosciutto e dal formaggio. Per i miei gusti forse un po' troppo morbido e un po' troppo broccolo. Nella prossima versione (perché non finisce qui...) lo cucinerò con tocchetti di mortazza (decisamente più saporiti), mozzarella e anche una patata per la consistenza. Comunque, come tutti i tortini, il giorno dopo è più buono.

Può essere servito sia come contorno a piatti di carne o anche come secondo insieme a un'insalatina mista condita con cipollina fresca, olio, sale e aceto.

5 commenti:

  1. Augurandoti un buon Natale e un felice anno nuovo, invito te e i tuoi visitatori a votare i migliori film e attori del 2011.

    I MIGLIORI FILM DEL 2011

    RispondiElimina
  2. Ciao Amos,
    io amo molto il cinema quindi grazie per l'invito a votare!

    RispondiElimina
  3. Quanto darei per avere un orto anch'io! Confesso che lo sogno da una vita! Mi piace l'idea del tortino, credo lo farò molto volentieri... un abbraccio e tanti auguri di Buon Natale

    RispondiElimina
  4. bellissima questa ricetta penso di farlo brava ciao da albaincucina

    RispondiElimina
  5. Marifra, l'orto è un efficacissimo anti stress olte a essere molto istruttivo. Certo, è anche faticoso e richiede un certo impegno, ma confesso che piacerebbe coltivare anche a me i classici tre pomodori dietro casa e qualche cespo di lattuga! L'orto di mio padre già è qualcosa di più serio e non credo riuscirei a stargli dietro. Intanto mi piacerebbe coltivare in vaso le erbe aromatiche, non solo perché vorrei farne uso in cucina, ma anche perché mi piacciono molto. Invece mi accontento di avere del rospmarino "spontaneo" nel giardino e un alberello di alloro...

    Rosalba, poi fammi sapere cosa ne pensi e se apporterai modifiche!! :)

    RispondiElimina